Scroll to content

Shopping cart

Your cart is empty

Article: ALLA SCOPERTA DELLE YURU-KYARA, LE MASCOTTE GIAPPONESI

 hikonyan - yurukyara - tenoha - pubblico

ALLA SCOPERTA DELLE YURU-KYARA, LE MASCOTTE GIAPPONESI

Negli ultimi anni in Giappone è sempre più in crescita la diffusione delle Yuru-Kyara (o Yuru-Chara), abbreviazione di Yurui Masukotto Kyarakutā, ossia quei personaggi teneri, morbidi e “pelosi”, vestiti da mascotte. Un fenomeno che ha interessato l’intera popolazione e cultura nipponica, tant’è che è rinomato in tutto il mondo il loro amore per queste ultime, equamente diffuso sia tra i bambini che tra gli adulti.

 fukkachan - shinjoukun - yurukyara - tenoha

Fukkachan posa insieme a Shinjou-Kun © Fukkachan via Twitter

Questi simpatici personaggi kawaii che sembrano provenire dai cartoni animati vengono associati idealmente a qualsiasi cosa: esistono infatti mascotte per le scuole, enti pubblici come ospedali, aziende, eventi, hotel e ogni prefettura ha la propria!

La mera natura della loro esistenza è legata prettamente al concetto di marketing: queste mascotte aiutano a creare pubblicità, promuovere il turismo o a sensibilizzare l’opinione pubblica a seconda di ciò che il personaggio rappresenta: ad esempio Gunma-chan, una mascotte con le sembianze di un cavallo, simboleggia la prefettura di Gunma, famosa per i suoi storici allevamenti di cavalli; oppure Sanomaru, un tenero cagnolino con in testa una ciotola di ramen, raffigura Sano, la sua città natale, famosa per questa specialità culinaria.

hikonyan-yurukyara-tenoha

Hikonyan posa con un cuore di peluche in mano © Oyakata

La curiosità che lega ciascuna mascotte è l’avere una sorta di carta d’identità registrata paragonabile a quella delle persone fisiche: per ogni profilo deve essere specificato il nome, l’età, il sesso, qualità particolari e persino il ruolo impiegatizio, nel caso ne abbia uno. Ci sono mascotte ballerine (come Nishiko-kun), lottatori di wrestling (come il dinosauro centipede Namisuke) o anche istruttori di yoga per piattaforme video (come la mascotte a forma di cane Prince Shimotsukare).

nishikokun-yurukyara-tenoha

Nishiko-kun esce dal tempio di Nishi-kokubunji © Nishiko-kun via Facebook

Contrariamente a ciò che si potrebbe pensare non si tratta di un’invenzione così recente: le Yuru-Kyara infatti esistono dai primi anni 2000 ed hanno ottenuto popolarità soltanto qualche anno più tardi; in particolare nel 2004 fu Jun Miura, un autore di Manga, a coniare l’appellativo attuale e a diffondere sviluppo e conoscenza di questi personaggi.

Alcune di esse hanno ottenuto perfino una notorietà a livello internazionale: è il caso di Pichon-kun, una tenera gocciolina d’acqua divenuta simbolo delle pubblicità promozionali nonché della stessa azienda Daikin, leader nel settore dei condizionatori.

fotodigruppo-yurukyara-tenoha

Alcuni fra gli Yuru Kyara più amati posano per una foto di gruppo © YURUKYARASHOW

Alcuni dei personaggi più amati sono i Gotōchi-kyara, i “personaggi locali”, ovvero le mascotte nate appositamente per promuovere città o prefetture. Oggi si stima che in Giappone ce ne siano circa 1200 e molte regioni condividono più personaggi che li rappresentano: nel 2014 solo la regione di Osaka contava ben 45 mascotte. 

kumamon-yurukyara-tenhoa-statuetta

Una statuetta raffigurante Kumamon © Oyakata

Un’altra famosissima mascotte è Kumamon, un orso dalle guance rosse ideato nel 2010 per l’imminente inaugurazione della Kyūshū Shinkansen, la linea di treni ad alta velocità della prefettura di Kumamoto, città che la mascotte rappresenta. Sebbene le Yuru-kyara avessero l’intento di creare una connessione tra pubblico e marchi, il feedback particolarmente positivo delle persone per questi personaggi creò presto una domanda per la creazione di una linea di abbigliamento, giocattoli e una moltitudine di accessori, come portachiavi e articoli di cancelleria, marchiati con l'immagine di una mascotte. Le vendite di merchandising hanno raggiunto i 16 miliardi di dollari nel 2012, consolidando la fedeltà dei fan che ha continuato a crescere nel tempo. Il merchandise relativo a Kumamon è quello che ha avuto una maggiore ripercussione economica per il paese, pari a circa 123.2 miliardi di yen, l’equivalente di quasi 1 miliardo di euro! 

kummamon-saluta-yurukyara-tenoha

Kummamon saluta il suo pubblico © AFP

Nel 2011 Kumamon ha inoltre avuto una particolare rilevanza per essere stato eletto dal pubblico votante come miglior mascotte dell’anno all’evento annuale Yuru-kyara Grand Prix, una grande competizione cui partecipano tutti i personaggi e dove è il popolo nipponico a decretare il vincitore.

Ogni anno il numero dei partecipanti all’evento e il numero dei votanti aumentano considerevolmente, grazie anche alle votazioni online. Il vincitore del Grand Prix del 2021 è Bary-San, il pulcino nato ad Imbari che indossa una corona che ricorda la forma del ponte Kurushima-Kaikyō (costruzione architettonica di particolare interesse turistico per la prefettura di Ehime) e che ama mangiare e camminare. 

barysan-yurukyara-tenoha

Barysan viene immortalato nella sua città © Barysan via Twitter

Anche il 2013 è un anno da ricordare per le Yuru-kyara: il 27 Gennaio 141 mascotte sono entrate nella storia del Guinness World Record per essere riuscite a completare una coreografia simultaneamente per ben 5 minuti!

 

Più di 1000 prodotti dal Paese del Sol Levante ti aspettano su TENOHA E-SHOP, primo concept store giapponese d' Europa
https://shop.tenoha.it/collections/directly-from-japan 

Read more

andwander-tenoha-moda-montagna-picnic

and wander, quando la moda incontra la natura

Moda e natura sono due mondi difficili da unire, spesso percepiti agli antipodi. Ma c’è chi ha deciso di provarci, come i due designer giapponesi Keita Ikeuchi e Mihoko Mori. Il loro brand, And Wan...

Read more
Fantasmi & Spiriti del Giappone - Don't cross the red bridge

Fantasmi & Spiriti del Giappone - Don't cross the red bridge

Mostra prorogata fino al 23 Aprile 2023 Una nuova mostra immersiva alla scoperta dell’immaginario di Benjamin Lacombe, ispirata ai suoi libri “Storie di Fantasmi del Giappone” e “Spiriti e Creature...

Read more