PUBBLICATO IL NUOVO NUMERO DI GUCCI CHIME ZINE

Dopo l’ultima release con un importante focus sul Giappone e la cultura nipponica torna Gucci CHIME Zine, il progetto editoriale, giunto al terzo numero, lanciato dal brand di moda nel 2019 e curato dello scrittore statunitense Adam Eli, con la direzione grafica del visual designer MP5 e i contributi di attivisti e artisti di tutto il mondo


La seconda pubblicazione di Gucci Chime Zine
© TENOHA Milano by Anna Daverio

Questa edizione, nata e concepita durante la pandemia globale di Covid-19, è tutta dedicata alle donne, all'uguaglianza di genere ed alle self-expression. Dalle proteste contro i femminicidi in Turchia al Women's Strike in Polonia, dal movimento #EndSARS in Nigeria al fumetto femminista in Italia: il terzo numero di Chime Zine raccoglie tanti temi diversi, legati da un unico filo rosso.


In linea con il costante impegno di CHIME For Change - la campagna fondata da Salma Hayek-Pinault e Beyoncé Knowles-Carter nel 2013 - il volume raccoglie decine di contenuti tra saggi, interviste, approfondimenti, immagini fotografiche e artwork. Tante voci e articoli distinti, da luoghi diversi di tutto il mondo, che condividono una visione di fondo: scegliere di cambiare non basta, perché il vero cambiamento parte dalla decisione di riunirsi per questa causa.


Il nuovo numero di Gucci CHIME Zine, contraddistinto come di consueto da splendide grafiche pop e di grande impatto, è disponibile in alcune librerie selezionate di tutto il mondo, oltre che nelle università di diversi paesi come Belgio, Finlandia, Francia, Israele, Italia, Ucraina, Regno Unito e Stati Uniti.

«To Gather Together: il cambiamento inizia con un segnale e si verifica quando abbandoniamo l'individualismo per far spazio all’unione e alla condivisione.» [Adam Eli]

 

 

 

© Property of Gucci Chime Zine / All Rights Reserved